Philippe Léveillé

Francese di origine e innamorato dell’Italia quanto della cucina, che per definizione non ha frontiere se non quelle del gusto. Poliedrico e sempre alla ricerca di nuove esperienze e ispirazioni. Ama il pesce di cui la sua terra natale è ricca e nelle valli bresciane ha trovato il connubio perfetto per mettere radici e far crescere la sua proposta gastronomica.

Philippe Léveillé nasce a Nantes, nel nord-ovest della Francia, il 27 luglio del 1973. Figlio di un ostricoltore, si appassiona alla cucina sin da piccolo e decide poi di frequentare l’istituto alberghiero di Saomure. Terminata la sua formazione e il servizio militare, che lo porta per due anni fra Somalia, Etiopia e Yemen, gira il mondo passando per le cucine di importanti ristoranti a Parigi, New York, Martinica e Montecarlo. Nel 1987 inizia la sua esperienza in Italia per giungere poi, cinque anni più tardi, al Miramonti l’altro. Qui entra in una cucina già affermata e s’impegna a farla sua, apprendendone segreti e filosofia per poi introdurre gradualmente le sue proposte.

Il risultato è una cucina moderna che spazia dalla freschezza del pesce e delle prelibatezze delle sue terre a proposte legate al territorio e alla tradizione bresciana. L’innovazione e il divertimento sono ciò che alimenta il suo spirito di continua ricerca. Fra le sue esperienze Philippe Léveillé può annoverare presenze televisive nel mondo del food e dell’intrattenimento. Si è divertito a scrivere un libro sulla sua infanzia e fra i vari impegni ha portato avanti un ristorante per quattro anni a Hong Kong dal quale ha tratto nuovi stimoli e sapori.

In questo suo percorso ha ottenuto vari riconoscimenti portando la sua proposta a livello nazionale.

 

 

Philippe Léveillé